.
Annunci online

Per una stagione di verità e giustizia sulle stragi

9 settembre 2009, mafia

Forse non tutti sanno che Berlusconi , ovvero il Presidente del Consiglio , è tornato ad attaccare la magistratura, nel dettaglio, le procure di Palermo e Milano.

"So che ci sono fermenti in Procura, a Palermo, a Milano, si ricominciano a guardare i fatti del '93, del'94 e del '92. Follia pura.” dice il Presidente, traduzione: sia Ingroia che il Procuratore di Milano, non debbono cercare i mandanti delle stragi di mafia.

E perché no?

Perché non dovrebbero cercare chi volle uccidere Falcone e Borsellino?

Dura la replica dell'Anm che ritene "del tutto inaccettabile" paragonare ad uno spreco di soldi pubblici il lavoro dei magistrati impegnati nelle indagini sulle stragi mafiose dei primi anni '90. "La lotta alla mafia, che il Governo in carica dichiara spesso di voler perseguire con ogni mezzo - prosegue il documento dell'associazione dei magistrati - richiede un impegno corale di tutte le Istituzioni e non può tollerare infondate operazioni di delegittimazione dei magistrati e delle forze dell'ordine, esposti in prima linea contro la criminalità mafiosa".

Noi siamo una generazione intera che vuole sapere “ chi”  ci sia dietro quelle stragi, e poiché alcuni reati non cadono in prescrizione, per fortuna, se sarà necessario aspetteremo una vita intera, ma alla fine la verità uscirà.

Certo visto i comportamenti si può usare contro di loro il “ metodo feltri” usato contro: Boffo, Veronica Lario, ed anche ieri contro Saviano , che in un articolo agghiacciante de “ IL Giornale” viene  definito ‘un morto che cammina ’ che cita,  a sua volta, solo morti come Falcone e Borsellino.

Saviano è vivo però e noi siamo con lui, e lo sono anche Falcone e Borsellino dentro di noi, quindi basta, è ora di sapere cosa successe dal ’92  in poi, basta con le minacce .

Ha ragione Barbara Spinelli quando dice che questa è una guerra di mente per farci sentire tutti soli, ma ricordiamoci che siamo un popolo intero di cittadini, che questa è una democrazia, e che abbiamo dei diritti, uno dei quali è  il sapere.

Cominciamo quindi a far valere i diritti di questa Italia il 19 settembre a Roma per manifestare a favore della libertà di stampa , e da non mancare anche il 26 settembre a fianco del popolo dell’agenda rossa, per manifestare anche al Presidente, il nostro desiderio di verità sulla morte di Paolo Borsellino.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stragi

permalink | inviato da scuolantimafia il 9/9/2009 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

Lezione antimafia

19 luglio 2008, mafia

io penso che il volere di Paolo fosse questo
http://it.youtube.com/watch?v=k_RzX8Tab4Q





permalink | inviato da scuolantimafia il 19/7/2008 alle 18:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

La lotta alle Mafie continua

13 giugno 2008, mafia


di Tania Passa

In Parlamento si sta discutendo il Pacchetto Sicurezza , provvedimento legislativo che per il Centro Sinistra vuol dire anche  e soprattutto combattere le mafie, ma per il centrodestra appare più come la lotta agli stranieri.

Con l’Occasione Giuseppe Lumia già Presidente della Commissione Nazionale Antimafia  oggi Senatore PD, ha presentato degli importanti emendamenti antimafia già contenuti nel pacchetto Amato , il pacchetto sicurezza della passata legislatura .


" Abbiamo proposto norme attese e condivise nella commissione Antimafia della passata legislatura come l'eliminazione del gratuito patrocinio per i boss mafiosi che li porta a farsi pagare dallo Stato le loro spese difensive nonostante siano stati condannati per gravissimi reati di mafia. Un privilegio che ha un costo complessivo di 12 milioni di euro l'anno. E' stato anche rifiutato l'inserimento dei testimoni di giustizia nella pubblica amministrazione, un provvedimento necessario per persone oneste che spesso rovinano la propria vita pur di denunciare delitti di mafia. Comunque siamo riusciti in positivo ad inserire una norma che aumenta di due anni la pena del reato di associazione mafiosa (416 bis) e tutte le norme sulla confisca dei beni proposte dalla scorsa commissione Antimafia, contenute nel pacchetto Amato e ripresentate dall'attuale governo. Vigileremo perche'  -conclude- queste norme non siano storpiate e riproporremo in aula le misure sul gratuito patrocinio e i testimoni di giustizia".

 

Gli emendamenti al 416 bis sono quindi passati, l'associazione per delinquere di tipo mafioso è una fattispecie di reato prevista dal Codice Penale italiano appunto con la norma  416 bis, al quale sono stati apportati questi emendamenti:

 

ON Lumia

Al comma 1, dopo la lettera b), inseguire la seguente:

<<b-bis) . All’articolo 416-bis, sono state apportate le seguenti modificazioni:

 

1)     al primo comma, le parole “ da cinque a dieci anni” sono sostituite dalle seguenti “ da sette a dodici anni”

2)      al secondo comma, le parole “ da sette a dodici anni” sono sostituite dalle seguenti “ da nove a quattordici anni”

3)      al quarto comma, le parole “ da sette” sono sostituite dalle seguenti “ da noce” e le parole: “ da dieci” sono sostituite dalle seguenti “ da dodici”

 

La sintesi è che  due importanti  emendamenti antimafia che avrebbero cambiato il senso della lotta alle mafie non sono passati, non per questo l’opposizione si è fermata e si fermerà, ma continuerà a lottare contro il sopruso delle mafie , chissà forse la frase “Mangano è un eroe perché non ha fatto il mio nome” ha un po’ influito sul voto all’emendamento che prevedeva l’assunzione da parte della pubblica amministrazione dei testimoni di giustizia .

Ma speriamo che questa sia un'altra storia .

 






permalink | inviato da scuolantimafia il 13/6/2008 alle 18:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

Giovanni non è morto

23 maggio 2008, mafia

Ci spiace per i mandanti dell'omicidio di Giovanni Falcone, ma egli vive dentro di noi insieme alla lotta alla mafia perchè la memoria è immortale.
Tania Passa





permalink | inviato da scuolantimafia il 23/5/2008 alle 13:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia luglio